Scelta lingua:    
           Home >> Territorio - Località - Dettaglio area
Località

Scheggino

Il Diamante Nero

Per maggiori informazioni

Ufficio informazioni di Cascia
Piazza Garibaldi, 1
Tel.: 0743.71147
Fax: 0743.76630 
Email: info@lavalnerina.it


Descrizione

Scheggino, antico castello di pendio dalla forma triangolare, fu edificato sulla riva sinistra del Nera, su ispide balze scoscese. Il nome Scheggino, un tempo Schezzino o Schiaginum, deriva il suo nome da “scheggia”, come richiamo alle ripide formazioni rocciose su cui è sorto. Al vertice il cassero e la torre d’avvistamento che, data la posizione strategica sulla valle fluviale, donava a Scheggino la funzione di guardia di un passaggio obbligato nell’antica strada della Valnerina.

L’antico castello che dall’alto dominava il borgo cinto da mura, appartenne ai domini imperiali soggetti al duca Corrado D’Urslingen ed in seguito, dalla fine del XII secolo, al Ducato di Spoleto.

Nel corso della sua lunga storia, Scheggino offrì un costante esempio di fedeltà prima ai duchi di Spoleto, dai quali la città era governata dal tempo dei Longobardi, poi ai rettori pontifici che nel papato di Innocenzo III successero ai duchi. Nel 1391, mentre le truppe del Papa cingevano d’assedio Spoleto, Tommaso da Chiavano, assieme a Giovanni di Cola, Francesco e Pollione Tiberti, alla testa di fanti della Montagna, con un convoglio di vettovaglie tentarono di recar soccorso ai ghibellini rinserrati nella Rocca.  Per rappresaglia, all’andata e al ritorno, i soccorritori depredarono la guelfa Scheggino. Nel 1522, stanchi dell’esoso sistema fiscale e insofferenti dell’arruolamento forzato, i comuni della Valnerina cercarono di scuotere il giogo pontificio. Tutti tranne Scheggino che confermò la fedeltà al papato.

Delle antiche mura resta oggi il circuito inferiore in cui si aprivano tre porte: una verso la Valcasana, una verso la Valnerina e l’ultima, oggi non più visibile, che permetteva l’accesso da Sant’Anatolia di Narco. L’area più elevata, quella posta al di sotto del cassero, chiamata “capo la terra”, è la parte più antica del borgo. Più in basso vicoli storici e strette vie sormontate da archi in pietra, conducono fino al borgo Cinquecentesco sviluppato urbanisticamente lungo il canale che alimentava gli opifici, chiamato “la Fiumarella”.

Alle due estremità del paese le porte della città: Porta del Pozzo e Porta Valcasana. Da quest’ultima Porta, passando per il parco e la peschiera omonime ricche di acque sorgive, si raggiunge la Via del Ferro, la strada utilizzata per il trasporto dei materiali delle miniere e delle ferriere che da Scheggino raggiungeva Monteleone di Spoleto attraversando l’area naturalistica del Parco del Coscerno-Aspra, dove ancora nidificano le aquile. Scheggino fu governata prima dai duchi di Spoleto ed in seguito dal papato.

Papa Urbano VIII nel 1631, seguendo un consiglio del Cardinale Fausto Poli, originario di Usigni, piccolo borgo nei pressi di Monteleone di Spoleto, fece costruire un complesso siderurgico. Quest’ultimo, per i tempi estremamente imponente, era destinato alla lavorazione del materiale ferroso proveniente dalle miniere di Monteleone di Spoleto e Gavelli.

Da non perdere per la straordinaria importanza e bellezza, è la Chiesa di San Nicola. Dal 1210 dipendente dall’abbazia benedettina di Sassovivo, nel 1446 divenne pieve. L’attuale assetto della Chiesa di San Nicola, a tre navate, risale al 1572. Nel 1663 alla Chiesa venne addossato uno spazioso atrio coperto. All’interno preziosi affreschi e tele, quali: la tela del XVII secolo di Santa Lucia di Perino Cesarei da Perugia, la tela di San Filippo Neri attribuita a Gaetano Lapis del secolo XVIII e la tela della Madonna del Rosario, sempre del Cesarei, del 1595. Appena fuori le mura della Chiesa, sgorgano le fresche acque della Valcasana, nelle cui limpide correnti si specchiano salici piangenti e alberi ombrosi.

Da visitare, in prossimità della piazza principale il Museo Urbani, dedicato al tartufo che narra la storia dell’omonima azienda. Il borgo, oltre ad un patrimonio artistico e culturale, offre molte occasioni per praticare attività all’aria aperta quali rafting, canyoning, trekking,  con gradi di difficoltà variabili ed accessibili sia alle famiglie con bambini che ai più esperti.

 

Per chi apprezza i piaceri di una cucina genuina e fortemente radicata nella cultura del territorio, Scheggino offre un paniere ricchissimo di prodotti della terra e del fiume. Il tartufo è il fiore all’occhiello di Scheggino, qui è nata la prima azienda per la conservazione e la lavorazione del pregiato fungo ipogeo: da assaggiare “le lumachine al tartufo”. Le limpide acque del fiume Nera offrono inoltre in dono la gustosa Trota della Valnerina.

Da non perdere:

·Chiesa di San Nicola

·Museo del Tartufo Urbani

·Chiesa di San Michele Arcangelo

·Chiesa di San Rocco

 

Nelle Vicinanze:

·Il Borgo di Ceselli

·Il Borgo di Civitella

·Il Borgo di Pontuglia

·Il Castello di Sant’Anatolia di Narco

·Il Castello di Vallo di Nera

·Castel San Felice e L’Abbazia dei Santi Felice e Mauro

·L’Abbazia di San Pietro in Valle

·Cerreto di Spoleto

 

Itinerari suggeriti:

·Itinerari e Luoghi dell’Arte in Valnerina

·Borghi e Castelli della Valle del Nera 

·Scheggino e Sant`Anatolia di Narco - L`Itinerario dei Castelli della Valnerina

 

Proposte per il Trekking:

·A piedi lungo la Valcasana

·Da Scheggino a Sant`Anatolia di Narco: Il Museo della Canapa

·Scheggino - Il Sentiero di Pio IX

 

Scopri in un video fotografico Scheggino e il suo territorio>>>



Come arrivare

In auto:
Autostrada del Sole A1 Firenze - Roma
Per chi proviene da Nord: Uscita Valdichiana
Per chi proviene da Sud: Uscita Orte 

Autostrada Adriatica A14 Bologna - Taranto
Per chi proviene da Nord: Uscita Civitanova Marche
Per chi proviene da Sud: Uscita S. Benedetto del Tronto

Strade statali : SS. 3 - SS. 209 - SS. 395, SS.320, SS. 396

 

In pullman:

Collegamenti giornalieri da Roma (Stazione Tiburtina) e da Spoleto

Per informazioni su orari e servizi:

Società Spoletina Trasporti (SSIT) - tel. 0743 212209

www.umbriamobilita.it

 

In treno:

Linea ROMA-ANCONA

Linea ROMA-FIRENZE

La Stazione più vicina è quella di Spoleto

Per informazioni su orari e servizi:

Trenitalia - tel. 892021 - www.ferroviedellostato.it   

 

In aereo:

Aeroporto Regionale Umbro S. Egidio - Perugia

Per informazioni su orari e voli:

Tel. 075/ 592141 - www.airport.umbria.it  

 

Aeroporto Internazionale Leonardo Da Vinci - Roma

Tel. 06/65951 - www.adr.it  

 

Sant’Anatolia di Narco è collegata a tutti i Comuni della Valnerina tramite servizio autobus. Esiste inoltre un servizio privato di noleggio autobus e autovetture, oltre ad un servizio Taxi.

 


Galleria Fotografica

Scheggino - Valnerina
Scheggino - Valnerina
Scheggino - Valnerina
Scheggino - Valnerina
Scheggino - Valnerina
Scheggino - Valnerina
Scheggino - Valnerina
Scheggino - Valnerina
Scheggino - Valnerina
Scheggino - Valnerina
Scheggino - Vanerina
Scheggino - Vanerina
Scheggino - Valnerina


Visualizza Scheggino in una mappa di dimensioni maggiori

Download documenti
Documento SALVA
Il Castello di Scheggino.pdf.
La Chiesa di S. Nicola.pdf.

Richiedi informazioni

Nome: Cognome:
E-mail: Telefono:
Note:
Codice di sicurezza:
Verifica codice:
Acconsento
Non acconsento
Invia
Home | Contattaci | Note legali e privacy

I contenuti del sito (foto, video, docs) sono utilizzabili gratuitamente in modalità
Creative Commons (diritto di Attribuzione 3.0). Usali pure nel Tuo sito web, blog e social.



Design e comunicazione
Altra | via - Key Associati