Scelta lingua:    
           Home >> Territorio - Da vedere -Dettaglio
Da vedere

Le Ville ed I Castelli




Chiavano


Cascia

Per Informazioni Turistiche

Ufficio informazioni di Cascia
Piazza Garibaldi 1
Tel.: 0743.71147 - Fax: 0743.76630
Email: info@lavalnerina.it 

Descrizione

Il castello dei conti di Chiavàno sorge su un colle calcareo all’apice dell’omonimo piano.               A guardia della Forca omonima, attraversata da un antico collegamento con il Regno di Napoli, il castello di Chiavano, di poggio e di confine per la sua posizione, domina il sottostante altopiano ai cui margini sono collocate numerose ville.

Sia per la sua posizione dominante sia per i caratteri della sua edilizia, realizzata in modo che le stesse case sembrano costituire il recinto fortificato che culmina nel punto più alto in una struttura particolarmente munita, si caratterizza chiaramente come un castello di confine, avamposto per certi versi tanto avanzato da risultare alla fine autonomo, come le vicende storiche confermano.

Il piano, insieme a Villa San Silvestro, era collegato al centro nevralgico di Monteleone di Spoleto attraverso una strada romana. La penetrazione romana è documentata nell`abitato da un blocco di calcare locale con iscrizione, riutilizzato poi come gradino della scala d`accesso della chiesa. Il blocco, che per la sua forma sembra appartenere ad un monumento funerario di una certa importanza, venne in un primo momento riutilizzato come mensa d`altare e a tale scopo vi venne praticato un incavo rettangolare che interessò l`epigrafe deteriorandola.

Di particolare rilievo è il tratto stradale che dalla fonte cinquecentesca di Chiavano si dirige verso Villa San Silvestro e che conserva in tutto il suo percorso, sia pur presentando tratti alquanto deteriorati e lacunosi, gli argini di contenimento, caratterizzati da lastre di calcare locale infisse ai margini della sede stradale, che risulta larga m.1,80. Come in altri casi, tali argini assolvono alla funzione di terrazzamento a monte e di parapetto a valle.

Chiavàno ha rappresentato da sempre un luogo di confine e transito con e per il Regno di Napoli. Qui l’antica strada Salaria, che da Roma attraversava il territorio di Leonessa per giungere all’Adriatico, si collegava alla valle del Nera attraverso i percorsi della transumanza che, attraversando il territorio di Monteleone di Spoleto, scendevano nella media Valnerina raggiungendo Spoleto attraverso la Flaminia.

L’Altopiano di Chiavano venne disseminato di oratori monastici, tra cui S. Martino e S. Stefano, dipendenti dall`Abbazia di Farfa. La storia del castello medievale inizia prima del 1030 e si conclude con il terremoto del 1979; il villaggio, completamente distrutto, è stato riedificato ai piedi del colle sulla cui cima sorgeva imponente e minaccioso il castello dei conti di Chiavano, del quale resta in piedi un mozzicone della torre di avvistamento. Tra i signori del castello, che possedevano anche Terzone e Pianezza, è noto il beato Giovanni da Chiavano (n. 1280) che rinunciò al feudo e condusse fino alla morte una vita eremitica. Secondo quanto scrive il Lascaris in occasione della sua visita pastorale (1712), il territorio di Chiavano riassumeva in un`unica communitas le cinque ville di OpagnaVilla San SilvestroBudaCoronella e Trognano. Abbandonate le Chiese dall`Abbazia di Farfa nel 1542 passarono al Capitolo della Cattedrale di Spoleto. 

L’altopiano si estende per novecento ettari a circa mille metri di quota, al confine tra Lazio e Umbria, in un ambiente remoto e lontano dalla frenesia delle aree più densamente frequentate. I ripidi versanti boscosi delimitano il piano punteggiato da querce e mandorli mentre le siepi di biancospino seguono i tracciati di antiche mulattiere e i confini della centuriazione romana.  

In questi luoghi la natura e le attività umane svolgono il loro corso in perfetto equilibrio fin da tempi remoti: il prodotto è un paesaggio agrario stratificato connesso ad antiche vie di comunicazione e piccoli villaggi che insieme danno vita ad un sistema territoriale tra i più interessanti repliche rolex dell’Appennino.



Come arrivare

Per conoscere le indicazioni stradali, la invitiamo a consultare la mappa di Google qui a destra.

Galleria Fotografica

Chiavano "il paese vecchio" - Cascia
Chiavano - Cascia
 Altopiano di Chiavano da Colle Chiavanello
 Mucche e Monte Cambio-Altopiano di Chiavano
 Neve sull`Altopiano di Chiavano
 Papaveri e rotolo di fieno sull`Altopiano di Chiavano
 Prati-Altopiano di Chiavano
 Querce-Altopiano di Chiavano


Visualizza Chiavano in una mappa di dimensioni maggioritext-align:left">Visualizzazione ingrandita della mappa

Download documenti
Documento SALVA
L'Altipiano di Chiavano e il Tempio Romano di Villa San Silvestro.pdf.

Richiedi informazioni

Nome: Cognome:
E-mail: Telefono:
Note:
Codice di sicurezza:
Verifica codice:
Acconsento
Non acconsento
Invia
Home | Contattaci | Note legali e privacy

I contenuti del sito (foto, video, docs) sono utilizzabili gratuitamente in modalità
Creative Commons (diritto di Attribuzione 3.0). Usali pure nel Tuo sito web, blog e social.



Design e comunicazione
Altra | via - Key Associati