Scelta lingua:    
           Home >> Territorio - Da vedere -Dettaglio
Da vedere

Le Ville ed I Castelli




Villa San Silvestro


Cascia

Per Informazioni Turistiche

Ufficio informazioni di Cascia
Piazza Garibaldi 1
Tel.: 0743.71147 - Fax: 0743.76630
Email: info@lavalnerina.it 

Descrizione

Villa San Silvestro si trova nel territorio di Cascia. L`abitato si colloca sul versante meridionale di Monte La Rotonda, nel punto in cui la via montana proveniente dalla Valle del Fiume Corno raggiunge l’Altopiano di Chiavano.

Presso il versante meridionale di Monte La Rotonda è riconoscibile un recinto fortificato analogo a quello riscontrabile a sud di Chiavano, entrambi forse posti a controllo del valico. Villa San Silvestro ebbe poi nell`antichità classica un posto di rilevante importanza tra gli altri centri abitati. Era collegato, insieme al Piano di Chiavano, al centro nevralgico di Monteleone di Spoleto attraverso una strada romana. Anticamente faceva parte del feudo dei Chiavano, come tutti i villaggi che fanno da contorno all`altopiano.

Tra il 1920 ed il 1930 scavi condotti al di sotto della Chiesa di San Silvestro, fecero riemergere il podio ed alcuni elementi architettonici e della decorazione di un grande tempio romano risalente al III secolo a.C. Nonostante la sua importanza storica per la comprensione della storia del territorio in età romana e la sua stessa imponenza, dopo la scoperta questo monumento di notevole interesse fu per lungo tempo dimenticato, finché negli anni Ottanta ricerche condotte sul posto dalla Soprintendenza ai Beni Archeologici per l`Umbria portarono alla luce alcune colonne in laterizio di un portico alle spalle del tempio, oltre ad altri materiali, tra cui numerosi frammenti di terrecotte architettoniche.

Gli scavi sono ricominciati nel 2003, sotto la direzione scientifica del prof. Filippo Coarelli dell`Università di Perugia, su concessione della Soprintendenza ai Beni Archeologici per l`Umbria. Il progetto è ripartito dallo studio dello stesso tempio, che trova confronti solo in altri due casi (Sora e Isernia), molto meno conservati. La campagna di ricerche condotta ha visto integrarsi saggi di scavo mirati a comprendere i particolari delle tecniche edilizie e le caratteristiche costruttive, prospezioni magnetiche del sottosuolo (alla ricerca di strutture non evidenti) e studio del sito attraverso foto dall`alto, oltre al rilievo sistematico di tutti i materiali architettonici presenti nell`area e non ancora pubblicati.

I risultati sono stati sorprendenti. Da un lato lo scavo ed i rilievi mettevano in evidenza che il tempio aveva avuto due fasi edilizie (entrambe molto ricche), con la costruzione agli inizi del III secolo a.C., poco dopo, cioè la conquista romana della Sabina, ed una ristrutturazione in forme ancora più monumentali ed ispirate a modelli architettonici presenti nella stessa Roma agli inizi del I secolo a.C. D`altro lato, l`analisi congiunta dei risultati delle prospezioni e delle foto dell`area dimostravano la fondatezza di una delle ipotesi di partenza: un tempio così grande (30 x 20 m) non poteva sorgere isolato in mezzo a questa pianura a 1200 m di altezza, ma doveva far parte di un complesso molto più vasto ed articolato.

Partendo da questi elementi, la campagna dell`agosto 2007 ha portato alla luce un settore del foro che circondava il tempio. Quest`ultimo risulta, dunque, al centro del lato corto posteriore di una vasta piazza delimitata da colonne in laterizio, la quale doveva misurare all`incirca 120 m x 60. Del foro è stato messo in luce un quarto della superficie, tra cui una serie di ambienti corrispondenti, probabilmente, alla parte a vocazione commerciale, un piccolo sacello absidato, da connettersi a forme di culto, ed una struttura idraulica, forse una cisterna, che si affaccia all`esterno del foro.

Le strutture emerse, ancora in fase di studio, rivelano che il foro, come il tempio, ebbe diverse fasi edilizie, mentre i reperti rinvenuti mostrano che l`area fu frequentata dal III al I secolo a.C. Appare naturale collegare, dunque, la costruzione del foro con l`imporsi della dominazione di Roma (avvenuto con il console Curio Dentato nel 290 a.C.), che, per assicurarsi il controllo sul territorio, impianta un forum in un`area in cui una popolazione prevalentemente di agricoltori e allevatori viveva sparsa sul territorio e lontana da ogni città, per farvi svolgere tutte le attività pubbliche, civili e religiose, che altrimenti non avrebbero avuto un punto di aggregazione ben definito.

Nel foro si svolgeva il mercato, si pagavano i tributi, si svolgevano gli atti della vita pubblica, qui si recava, presumibilmente, il praefectus di Nursia per amministrare la giustizia in giorni prestabiliti. Un`iscrizione di II secolo a.C., di cui un frammento è stato riutilizzato pietra da costruzione in un muro costruito in epoca posteriore, attesta la presenza del culto del dio Terminus nell`area di Villa San Silvestro, divinità prettamente romana che preserva e difende limiti e confini.

La scelta del sito non è casuale, si tratta della più vasta pianura della zona, dopo quella di Norcia; il foro sorge nel punto in cui scaturivano le uniche sorgenti nell`area e, soprattutto, dove il diverticolo della via Salaria che superava Leonessa incontrava i percorsi di transumanza e il percorso di valico che, attraversando Monteleone di Spoleto, permetteva di giungere fino a Spoleto ed alla Flaminia. I motivi di un abbandono così precoce dell`area, che sarebbe stata frequentata, stando a quanto emerso finora, per soli tre secoli sono ancora da indagare.

A Est del foro, sempre in seguito degli attuali scavi, è emersa una vastissima area delimitata da una tripla serie di portici, scanditi da colonne in laterizio e semipilastri, al centro della quale è apparsa una struttura rettangolare, probabilmente un tempio a doppia cella, dedicato, quindi, ad una coppia di divinità. Queste strutture formano un complesso ancora più vasto di quello del foro stesso, ma dalla superficie complessiva ancora non ben calcolabile dato che si è ancora solo all`inizio dello scavo.

Oltre alle particolari caratteristiche legate al tipo stesso di costruzione e di suddivisione degli spazi, appare notevole il fatto che questo settore non venga abbandonato, come invece accaduto per il foro, ma che attesti una frequentazione ancora in età longobarda, come dimostrano due tombe, probabilmente dell`epoca, venute alla luce durante gli scavi.

Nei secoli successivi fu edificata, sul basamento del tempio, la Chiesa di San Silvestro dalla semplice struttura. All’interno vi sono alcuni affreschi del periodo XVI – XVIII secolo, una statua di legno policroma raffigurante San Silvestro e un’acquasantiera del 1577.

 

 



Come arrivare

Per conoscere le indicazioni stradali, la invitiamo a consultare la mappa di Google qui a destra.

Galleria Fotografica

Villa San Silvestro - Cascia
Villa San Silvestro - Cascia - Valnerina
Villa San Silvestro - Cascia
Villa San Silvestro - Cascia
Edicola Votiva - Villa San Silvestro - Cascia
Chiesa di San Silvestro - Villa San Silvestro - Cascia
 Madonna Addolorata-Chiesa di San Silvestro-Villa San Silvestro
 Statua lignea di San Silvestro-Chiesa di San Silvestro-Villa San Silvestro


Visualizza Villa San Silvestro in una mappa di dimensioni maggiori

Download documenti
Documento SALVA
L'Altipiano di Chiavano e il Tempio Romano di Villa San Silvestro.pdf.

Richiedi informazioni

Nome: Cognome:
E-mail: Telefono:
Note:
Codice di sicurezza:
Verifica codice:
Acconsento
Non acconsento
Invia
Home | Contattaci | Note legali e privacy

I contenuti del sito (foto, video, docs) sono utilizzabili gratuitamente in modalità
Creative Commons (diritto di Attribuzione 3.0). Usali pure nel Tuo sito web, blog e social.



Design e comunicazione
Altra | via - Key Associati